Skip to main content

Cimiteri, il nuovo business del ventunesimo secolo è la privatizzazione.

Nei cimiteri si nasconde un investimento. Il fare soldi in maniera truffaldina e poco etica è stato sempre un fenomeno caratterizzante della società in cui viviamo. I business da sfruttare in questo senso sono numerosi, ma soprattutto sempre in continua evoluzione: quello più attuale sembra essere diventato la privatizzazione dei cimiteri.
A testimoniarne il funzionamento è l’ex consigliere comunale di Montagnana (Padova) Alessandro Uguccioni, che nel 2016 si oppose alla volontà dell’Amministrazione comunale di dare in appalto la gestione del cimitero cittadino.
Il Consiglio comunale decise in quell’anno di deliberare in favore dell’appalto ad una ditta per la gestione trentennale di tale cimitero, per un importo di 17 milioni di euro e un utile che va dai 3 ai 5 milioni.
Ciò che l’ex consigliere contesta è che tale appalto venne fatto sulla base di una “finanza di progetto”, ovvero un progetto in cui è presente l’elemento di rischio di impresa. Tale elemento è però assente, dal momento in cui il settore in questione è perennemente in attivo.
Il problema di fondo non è tanto che la ditta privata sia mossa da uno scopo di lucro, bensì che essa guadagni su tale progetto senza correre il rischio di impresa, per cui il concetto di impresa stessa viene meno.
E se la ditta privata è coperta da questo punto di vista, è facile attendersi che il suo obiettivo sarà quello di minimizzare i costi e massimizzare le sue entrate, traducendo il tutto in un aumento dei prezzi per i cittadini correlato all’erogazione di un servizio di qualità ancor più scadente.

No votes yet.
Please wait...