Skip to main content

“Vedove allegre”: con la morte del marito cala lo stress e migliora la salute.

Le donne più mature che perdono il partner stanno meglio delle coetanee sposate: la ricerca dell’Università di Padova.

Diventare vedove fa bene alla salute, almeno dopo una certa età. Non si tratta di una macabra battuta da bar, ma della conclusione shock di una ricerca tutta italiana, condotta dall’Università di Padova in collaborazione con l’Istituto di Neuroscienze del CNR.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Women’s Health, dimostra dati alla mano ciò che spesso ci capita di osservare nella vita di tutti i giorni: dopo la perdita del coniuge, certe signore ringalluzziscono, migliorando l’umore e persino la salute.

I ricercatori lo hanno verificato seguendo per 4 anni quasi 2.000 persone over-65 arruolate nel “Progetto Veneto Anziani” (Pro.V.A.). I risultati indicano che le vedove sono meno stressate delle donne sposate, e il loro rischio di diventare anziane fragili (con l’autonomia minata da deficit cognitivi e fisici) cala addirittura del 23%.

A fare la differenza sarebbe una sorta di “effetto badante”, che sembra condizionare pesantemente la vita delle donne sposate: sempre impegnate ad accudire il partner, le signore coniugate «si sentono generalmente più stressate e ritengono di avere un ruolo restrittivo e frustrante», come spiega la coordinatrice dello studio, Caterina Trevisan.

Gli unici a godere a lungo dei benefici del matrimonio sono gli uomini, che possono contare sulla moglie per quanto riguarda la cura della casa e della loro stessa persona. Quando restano vedovi, la situazione cambia radicalmente: lo stress psicologico aumenta e le condizioni di salute peggiorano più velocemente.

«Molti studi dimostrano che le vedove hanno un rischio di depressione più basso rispetto ai vedovi, probabilmente perché hanno più risorse per reagire e sono più capaci di esprimere le loro emozioni», sottolinea Trevisan. «Questi aspetti possono aiutarci a spiegare perché le donne single generalmente sono meno stressate e più integrate nella società rispetto agli uomini».

Rating: 5.0. From 2 votes.
Please wait...